RIMUOVERE L’AMIANTO CON UN CONTRIBUTO DEL 65%

gennaio 2, 2019

RIMUOVERE L’AMIANTO – La “Eco Solution” s.r.l. è una azienda siciliana leader nello smaltimento di eternit e quindi di amianto compatto, situato in coperture industriali. Una delle nostre mission è quella di consentire alla vostra società, l’accesso nelle graduatorie dei finanziamenti a fondo perduto. Il raggiungimento dell’obiettivo è possibile grazie agli studi specializzati con cui collaboriamo, e che nell’edizione passata ci hanno dato un 85% di successi sulle pratiche da noi presentate.

Il finanziamento: Il bando ISI INAIL 2018, in realtà riguarda l’anno 2019 ed è stato ufficializzato nello scorso dicembre, vedrà il “click day” programmato per Giugno 2019. Trattasi del più interessante finanziamento per lo smaltimento amianto a livello industriale e artigianale (NO ABITAZIONI), mettendo a disposizione un incentivo a fondo perduto che finanzia l’attività di rimozione e bonifica cosi come il rifacimento del manto di copertura, comprese le opere di lattoneria; il finanziamento copre il 65% del costo dell’intervento sino ad un massimo di 130.000 € per azienda. Il bando è stato ufficializzato mediante la determina del Presidente n. 519 del 6 dicembre 2018 ed il relativo allegato.

Il click day: L’ammissione al bando prevede che la domanda sia inviata utilizzando un codice identificativo attribuito alla vostra azienda tramite lo “sportello informatico INAIL” al momento dell’invio delle pratiche e del progetto. In pratica, il click day altro non è che un giorno ed un ora prestabilita a giugno 2019 in cui una pagina web raggiungibile dal sito dell’INAIL diventerà attiva per inserire questo codice. I primi ad inviare la domanda saranno ammessi al bando, su base regionale. Questo significa che la velocità di inserimento dei dati è la chiave di ingresso al contributo.

CON LA “Eco Solution” s.r.l. ECCO COME FUNZIONA RIMUOVERE L’AMIANTO IN 10 STEPS

– E’ bene condurre per tramite dell’amministrazione aziendale, con il commercialista e/o con uno studio di consulenza specializzato una verifica amministrativa, ovvero se l’azienda ha tutti i requisiti per partecipare;

– Vanno verificate quindi la regolarità contributiva, la capienza sul regime de minimis ed eventuali condanne in materia di infortuni sul lavoro, da parte del Legale Rappresentante d’Impresa;

– Se l’azienda soddisfa tutti i requisiti di cui il precedente punto 2 è bene procedere a una verifica tecnica di ammissibilità progetto, ovvero si analizza l’investimento desiderato per attestarne o meno la fattibilità, in base ai dettami dell’avviso pubblicati sul sito di inail che puoi trovare cliccando qui; qualora l’investimento non fosse pertinente, sarà bene eventualmente considerare opportune modifiche al fine di evitare esclusioni tardive;

– Verificati i prerequisiti amministrativi e tecnici, è necessario accertarsi , in base al DM 18 aprile 2005, che l’azienda abbia le dimensioni aziendali tali da consentire il superamento della soglia di ammissibilità, ovvero i 120 punti del punteggio conseguito;

– Terminata la fase istruttoria, il progetto deve essere registrato sul portale INAIL dove è necessario provvedere all’accreditamento ed al deposito, entro il 31 Maggio 2019 (E’ opportuno procedere preventivamente alla registrazione al portale INAIL , considerando che per ottenere le credenziali di accesso è necessario essere titolari di certificato SPID di identità elettronica);

– Successivamente al regolare deposito per come il punto 6 , a Giugno 2019 sarà possibile scaricare il codice dal portale ed entro la seconda quindicina di giugno verrà tramesso ad INAIL, nel giorno a comunicarsi del click day ufficiale;

– Superato questo primo step, ossia il superamento al click day,di cui INAIL fornirà evidenza ufficiale, l’azienda dovrà provvedere alla stesura e consegna degli elaborati peritali e dell’aggiornamento del DVR aziendale;

– Entro 30 gg dalla pubblicazione degli elenchi cronologici di click day, l’azienda dovrà trasmettere ad INAIL tutta la documentazione tecnica ed amministrativa riguardante il progetto;

– Trasmesso tutto quanto necessario a suffragio della bontà del progetto parte l’istruttoria di 120 gg da parte dell’Istituto Inail;

– Terminata questa fase, all’arrivo del provvedimento di ammissione progetto, l’azienda dovrà attentamente seguire le indicazioni di rendicontazione previste da INAIL .

Per quanto sopra, penseremo noi della “Eco Solution” s.r.l. a collaborare con la vostra struttura Aziendale e raggiungiere con esito positivo il finanziamento del 65% a fondo perduto per la sostituzione della copertura in amianto.

SCRIVICI per rimuovere l’amianto con il bando ISI INAIL 2019 e percepire il contributo del 65% a fondo perduto. Sarà nostra cura effettuare le dovute verifiche e procedere con:

– campionamento ed analisi amianto;

– sopralluogo e preventivo dei lavori;

– selezione documentazione e preparazione pratiche;

– iscrizione dell’azienda e ricezione codice identificativo;

– gestione del click day;

– finalizzazione pratiche;

– lavoro di bonifica e ricopertura.

 

Di seguito alcuni lavori già eseguiti con il bando ISI INAIL:

– sostituzione della copertura presso la Ciarcià snc di Comiso;

– sostituzione della copertura presso la Logifil srls di Vittoria;

– sostituzione della copertura presso la Dorata srl di Vizzini.

CONTATTACI:

Uffici: 0933.27235

Diretti:      Geom. Gianluca Iurato 338.1130048      –      Geom. Salvatore Raccuglia 333.9730649

E-mail: info@ecosolution.srl

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *