NELLO MUSUMECI: 200MILA EURO AI COMUNI PER RIMUOVERE L’AMIANTO

dicembre 13, 2018

Amianto: Duecentomila euro per i Comuni siciliani che hanno presentato il Piano. Lo prevede la Regione Siciliana con un decreto della protezione civile, che ha approvato la graduatoria relativa al bando pubblicato nel luglio scorso, in attuazione di una norma contenuta nella Legge di stabilità. sedici gli enti locali interessati che, grazie al finanziamento, potranno procedere alla rimozione e allo smaltimento di manufatti contenenti il pericoloso minerale.

«La Sicilia – evidenzia il presidente della Regione, Nello Musumeci – è indietro nella bonifica e l’80 per cento dei Comuni è senza strumenti di pianificazione in merito. Il mio governo è sensibile a questa tematica, tanto che abbiamo riattivato il Piano regionale, sospeso dal 2016, e istituito un tavolo tecnico per l’attuazione della legge regionale 10 del 2014. Le risorse a disposizione non sono elevatissime, ma spero che questo finanziamento possa essere da stimolo per gli altri enti locali ad adeguarsi». Ancora sul piano amianto prosegue Musumeci: «Le risorse a disposizione non sono elevatissime ma spero possa essere uno stimolo ad adeguarsi»

 

I 63 COMUNI PIU’ VIRTUOSI:

Tra i copoluoghi che hanno adottato il piano amianto, soltanto Palermo, Siracusa e Caltanissetta. In provincia di Palermo: Alimena, Balestrate, Blufi, Campofelice di Roccella, Campofiorito, Castellana Sicula, Collesano, Gangi, Geraci Siculo, Marineo, Misilmeri, Petralia Soprana, Piana degli Albanesi, Polizzi Generosa, Roccapalumba, Santa Flavia, Sclafani Bagni e Valledolmo. In provincia di Catania: Aci Sant’Antonio, Giarre, Maletto, Mascalucia, Misterbianco, Ramacca, San Giovanni La Punta, Santa Venerina, Tremestieri Etneo, Vizzini e Zafferana Etnea. In provincia di Messina: Capo d’Orlando, Fiumedinisi, Furci Siculo, Limina, Mojo Alcantara, Monforte San Giorgio, Patti, S. Domenica Vittoria, San Fratello, San Pier Niceto, Sant’Angelo di Brolo e Tortorici. In provincia di Siracusa: Augusta, Lentini, Pachino, Palazzolo Acreide, Priolo Gargallo, Rosolini, Solarino e Sortino.In provincia di Caltanissetta: Campofranco, San Cataldo, Serradifalco e Vallelunga Pratameno. In provincia di Enna: Cerami, Gagliano Castelferrato, Valguarnera Caropepe e Villarosa. Solo Ispica per il ragusano,  San Giovanni Gemini per l’agrigentino e Pantelleria per il trapanese.

(Fonte: Regione Siciliana)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *